29.10.2014

Source/Make/Deliver: dalla fabbrica a casa tua

Amway, a livello globale, opera secondo uno stretto regime di integrazione verticale della produzione. "From seed to supplement": dal seme della pianta coltivata nelle nostre fattorie organiche certificate di proprietà, all'integratore alimentare finito, sigillato e distribuito in modo capillare su tutti i mercati in cui Amway è presente. Oltre che al caso specifico - e famoso - di NUTRILITE, forse non tutti sanno che Amway in realtà detiene la gran parte del processo produttivo anche su tutte le altre categorie merceologiche: dalla fornitura delle materie prime alla distribuzione, passando naturalmente per la produzione. Avere il controllo totale sulla filiera permette all'azienda di mantenere sempre costante la qualità e tenere monitorate tutte le molteplici variabili che impattano sulla catena di produzione. Dalla scelta degli ingredienti di base, ai dettagli legati ai processi di fabbricazione nei nostri (attualmente) 15 impianti di produzione nel mondo, alla gestione della complessità logistica che comporta l'essere la prima azienda al mondo nel settore della Vendita Diretta, la filiera produttiva in Amway è una vera e propria eccellenza internazionale. Prendiamo, a titolo d'esempio, i prodotti della linea Amway Home, da questo punto di vista i "più vicini" a noi: il detergente multiuso L.O.C. è famoso in tutto il mondo per racchiudere un incredibile potere pulente in una formula altamente concentrata e al contempo sicura e delicata sulle superfici. Ma quali sono gli step di filiera che portano dalla produzione del L.O.C. sino alla consegna a domicilio in Italia? Step 1 - Source. Il viaggio del L.O.C., prima di arrivare nelle case dei nostri clienti, inizia a Wesseling, in Germania. E' qui che avviene l'approvvigionamento dei sette ingredienti essenziali che sono necessari alla fabbricazione del L.O.C. In particolare, per una linea di produzione come quella dei detergenti Amway Home, si è ritenuto fondamentale localizzare la produzione nelle diverse regioni al mondo dove Amway opera. Questo ha permesso di ottimizzare la supply chain, ridurre i costi di trasporto ed essere, naturalmente, più sostenibili. Step 2 - Make. La seconda fermata del L.O.C., prima di arrivare in Italia, è poi quella presso l'area industriale di una ridente cittadina in Belgio, Evergem. Si tratta di uno dei soli 5 stabilimenti di produzione omologati per la fabbricazione del L.O.C.. La posizione di questi stabilimenti, per la stessa logica di efficienza della catena produttiva di cui sopra, è scelta in modo strategico per servire al meglio i diversi mercati regionali - nel caso del Belgio, tutto il Vecchio Continente, la Russia e il Sud Africa. Step 3 - Deliver. L'ultima tappa del nostro viaggio in compagnia del L.O.C. è a Budapest, in Ungheria. Qui si trova uno dei due grandi centri di smistamento e distribuzione per i 29 mercati europei (l'altro si trova a Venlo, nei Paesi Bassi), quello da cui poi concretamente arrivano i prodotti per il mercato italiano. L'eccellenza distributiva dei centri di smistamento Amway è un vero e proprio fiore all'occhiello dell'azienda, in quanto permette la totale autonomia distributiva, gestione centralizzata e garanzia di consegna capillare e puntale su tutto il territorio. Parliamo di una mole enorme di ordini processati e prodotti distribuiti in tutta Europa ogni singolo giorno dell'anno. Per maggiori informazioni, vi invitiamo anche a consultare il mini-sito AmwaySourceMakeDeliver.com, dove è possibile leggere qualche esempio in più anche sulla produzione dei cosmetici e degli integratori alimentari commercializzati da Amway.    
28.10.2014

Prodotti di qualità... A suon di brevetti!

Ormai lo sanno anche i sassi. Quelli che vende Amway sono prodotti di alta, altissima qualità. Ma, vogliamo ribadirlo per l'ennesima volta, è la scienza che vi sta dietro ci permette di proporre sul mercato prodotti che sono largamente più performanti rispetto alla maggior parte della concorrenza. In Amway impieghiamo oltre 900 professionisti fra scienziati, ingegneri e tecnici che lavorano in 75 laboratori e 8 otto centri internazionali di ricerca e sviluppo. Un vero e proprio esercito che, quotidianamente, è sul campo per esplorare le nuove frontiere della scienza applicata. Grazie a questo team, nel corso dei decenni, abbiamo anche collezionato una ragguardevole mole di brevetti, oltre 1.000! La gran parte dei quali può già essere toccata con mano, all'interno dei prodotti Amway. Nel terzo quarto del 2014, Amway (Alticor Inc.), figura ancora nella Patent's Board Top 20 Consumer Products Industry Scorecard del Wall Street Journal (in 17esima posizione). Ricordate? Ne avevamo già parlato tempo fa. Si tratta della classifica globale delle aziende con i portfolio di brevetti più forte al mondo. Il ranking, in buona sostanza, ha lo scopo di misurare la forza e l’impatto tecnologico di un'azienda, sia in termini qualitativi che quantitativi, in base ai brevetti detenuti. Qualche esempio? Avete presente il L.O.C.? Si tratta di un detergente multiuso altamente versatile, di fatto il primo prodotto commercializzato da Amway. Nella sua versione pensata specificamente per la cucina, risulta essere un prodotto estremamente performante, pulisce in modo sicuro le superfici della cucina e, in particolare, non necessita di risciacquo. Il L.O.C. Cucina non è l'unico prodotto con queste caratteristiche sul mercato, né è stato il primo. Ma è l'unico prodotto pensato per avere un grande potere pulente su qualsiasi superficie, evitando qualsiasi forma di abrasione e con una formula che combina tensioattivi non ionici e anionici, solvente etere glicolico, specifici builder, olio di arancia e acqua per fornire una forza pulente elevata, risultati anti-traccia e protezione anti-microbica. A questo link, la copia del brevetto originale del L.O.C. Cucina. Avete presente l'eSpring? L'utilizzo di sistemi per il trattamento dell'acqua come quello disponibile in esclusiva Amway è in continua crescita in molti paesi di tutto il mondo. Il consumo di acqua potabile da rubinetto, da molti è considerato, giustamente, un comportamento sano, etico e responsabile. Ma altrettante persone sono anche consapevoli dei potenziali rischi associati alla presenza di contaminanti presenti nella rete idrica. Gli scienziati Amway hanno dunque sviluppato un filtro al carbone multistrato unico nel suo genere, pensato per rimuovere efficacemente il sapore e l'odore di cloro, particolato, piombo, cloro, migliora la limpidezza ed elimina più di 140 contaminanti potenzialmente dannosi per la salute. Amway commercializza sistemi di purificazione dell'acqua da oltre 25 anni e grazie a questa esperienza eSpring è oggi il brand più venduto al mondo nella sua categoria, secondo i dati forniti da Verify Markets. Volete dare un'occhiata al brevetto del carbon block filter eSpring? Lo potete consultare a questo link. E ancora, avete presente Ideal Radiance? La nuova linea di prodotti Artistry, è il risultato di incredbili avanzamenti tecnologici e in ricerca e sviluppo sul comportamento della melanina all'interno della pelle. La formulazione che è alla base della linea Ideal Radiance permette di contrastare in modo estremamente efficace discromie e altri effetti di iper-pigmentazione, agendo in profondità su tutti gli strati della superficie cutanea. In particolare, la formula integra diversi estratti di origine vegetale, come quello di melograno, i cui composti contengono elevate quantità di punicalagina, un elemento dotato di elevate proprietà antiossidanti e utile nel trattamento delle macchie scure sulla pelle. I risultati innovativi declinati all'interno della linea Ideal Radiance, sono frutto di una collaborazione accademica di lungo corso con l'università di Yale, di cui abbiamo recentemente annunciato il rinnovo, proprio su queste pagine. Anche in questo caso, volete dare un'occhiata al brevetto originale? Cliccate su questo link. Ora, la prossima volta che utilizzerete un nostro detersivo, una nostra crema per la pelle, o un nostro filtro per l'acqua, ricordatevi che ci hanno lavorato sopra le nostre menti più brillanti, sempre all'opera per portare nelle vostre case, a suon di brevetti, il meglio che possiate desiderare - e che dovete pretendere - da un prodotto targato Amway.  
16.10.2014

"The Rachel": l'hairstyle più influente di sempre

E' quello di Rachel Green, protagonista della famosa sitcom F•R•I•E•N•D•S, il taglio di capelli più influente di sempre secondo le donne inglesi. Lo rivela uno studio condotto da Amway UK in occasione del lancio stampa del nuovo Spray Tocco Finale Satinique (per maggiori, leggi il nostro comunicato stampa a questo link) e per celebrare il ventesimo anniversario della serie TV che ha tenuto incollata allo schermo un'intera generazione. F•R•I•E•N•D•S, per chi non lo sapesse, è un serial americano della Warner Bros. andato in onda dal 1994 al 2004 e che ruota attorno alle avventure tragicomiche di un gruppo di sei amici, fra cui, per l'appunto, la Rachel di Jennifer Aniston. Creato dall'hairstylist Chris McMillan appositamente per la serie TV, ed esoso nel suo esser gonfio, scalato e a lunghezza media, il taglio "The Rachel" è diventato negli anni famoso per essere uno dei più copiati dallo star system internazionale e non solo. Due decadi dopo che, per la prima volta, la Aniston ha indossato "The Rachel" sul set di F•R•I•E•N•D•s, è ancora questo il taglio VIP di capelli più iconico della storia secondo le donne British, con un plebiscitario 25% delle donne fra 25 e 34 anni  che hanno votato per lei nel nuovo sondaggio promosso da Amway UK (nonostante, a conti fatti, fossero ancora bambine ai tempi della messa in onda del serial NBC). La top 10 dei tagli di capelli da celebrity più influenti di sempre nel Regno Unito comprende:
  1. Jennifer Aniston
  2. Marilyn Monroe
  3. Principessa Diana
  4. Amy Winehouse
  5. Mary Quant
  6. Grace Jones
  7. Margaret Thatcher
  8. Mia Farrow
  9. Annie Lennox
  10. Kate Middleton
Lo studio Amway*, che si basa su di un campione di oltre 2.000 donne, offre una panoramica interessante circa i rituali e le abitudini delle donne inglesi in materia di hairstyle e cura dei capelli. Dallo studio, per esempio, emerge che un terzo (30%) delle donne non hanno cambiato il loro taglio di capelli negli ultimi dieci anni, anche se il 40% ha ammesso di sentirsi meglio e più attraente dopo una seduta dal parrucchiere. La survey rivela anche che il 15% delle donne ritiene che il giudizio estetico degli uomini nei loro confronti sia in gran parte dovuto al taglio dei capelli che indossano. Secondo quanto emerge dal sondaggio, oltre la metà (51%) delle intervistate pensa che sia quello di Kate Middleton il taglio più salubre, lo stile più sobrio - un dato interessante se si pensa che il 30% delle donne si definisce anche preoccupata della salute dei propri capelli, in particolare per il loro aspetto diradato e poco voluminoso: il look della duchessa di Cambridge, in questo senso, è la perfetta immagine di capelli in salute cui molte aspirano. Questo è particolarmente vero se si pensa inoltre che più di un quarto (27%) vede i capelli unti come una delle qualità meno attraenti in una persona, anche se oltre la metà delle intervistate ammette alla fine di non lavarsi i capelli ogni giorno. "L'hairstyle è parte integrante della personalità di una donna. Avere una chioma sana, lussuosa e voluminosa, aumenta la fiducia in se stesse e ha un diretto impatto su come ci sentiamo e su quello che facciamo nella vita di tutti i giorni". Ha dichiarato Sheryl Franklin-Worth, Corporate Affairs Manager di Amway UK. "E' bello vedere come al top della nostra classifica relativa alle aspirazioni femminili vi siano tutte donne molto forti e iconiche. Il nuovo e rivoluzionario sistema per la cura dei capelli Satinique fa proprio questo, permette alle donne di sentirsi bellissime e sicure di sé."   *Ricerca svolta da Vital Research & Statistics su commissione di Amway UK su di un campione di 2.000 donne nell'agosto 2014.    
© 2011 Amway Europe. All rights reserved.
www.amway-europe.com
Connexia